I benefici

Lo Shiatsu riequilibra in profondità l'energia del ricevente. Favorisce il libero scorrere del Ki (v. cos'è il Ki), sia nelle parti del corpo bloccate che lungo i meridiani, i canali energetici che percorrono tutto il corpo. L'intera persona ne trae beneficio, a livello mentale ed emotivo, e sul piano fisico, organico e muscolare.

Riequilibrio energetico per il benessere psicofisico

La persona è intesa come unica e le tensioni che appartengono ad ognuno di noi, non sono considerate come problemi da estirpare, ma, accogliendole, sono approcciate come parti da integrare e sciogliere, guardano con occhi diversi gli aspetti di nuova realizzazione individuale. 

Sul piano psico-emotivo, è un valido sostegno che permette alla persona di riattingere alla forza del proprio centro, riducendo le tensioni psicologiche legate allo stress, alla rabbia, all'insicurezza, all'ansia, alle crisi di panico; favorisce il ritrovamento della fiducia in se stessi; permette di riattingere alla propria forza per far fronte alle situazioni difficili e ai cambiamenti importanti; aiuta a lasciare andare il passato; e molto altro.

Anche sul piano fisico porta grandi benefici. Oltre ad allentare la tensione su tutto il corpo, favorisce il rilassamento globale, riduce la stanchezza, induce il recupero della propria forza, migliora la respirazione, la circolazione, la digestione, la qualità del sonno, il metabolismo dei liquidi... e molto altro.

Concediti un trattamento!

Precisazioni

Lo Shiatsu non è sostitutivo di eventuali terapie mediche poichè stimola la capacità di risposta vitale e l'autoguarigione della persona trattata. Per queste sue caratteristiche risulta essere perfettamente affiancabile a qualsiasi trattamento terapeutico convenzionale, senza alcun rischio e pregiudizio per le cure cui esso eventualmente si accompagna. Non considera, non tratta e non si pone come obbiettivo la risoluzione di patologie e sintomi che sono di stretta pertinenza medico/sanitaria. I trattamenti Shiatsu non sono prestazioni medico-sanitarie.

La professione è regolamentata dalla legge n°4 del 14 Gennaio 2013.

foto di Simone Zarbin