Cos'è lo Shiatsu?

Tocco e pressione: il centro

Lo Shiatsu viene dal giapponese 指圧, da shi = dito e atsu = pressione. Il tocco dello Shiatsu può essere praticato con le dita, i palmi, i gomiti, le ginocchia ma consiste in molto di più. Nella cultura dell'estremo oriente la persona è considerata come un'unità psicofisica, emotiva ed energetica, e ogni gesto parte dal suo centro, così nella pratica dello Shiatsu avremo l'intero corpo dell'operatore che compie le pressioni. Infatti, portando il proprio peso gradualmente sul punto di pressione, il contatto sarà accolto dal ricevente più in profondità e risulterà più efficace: dal centro dell'operatore al centro del ricevente.

Riequilibrio energetico per il benessere psicofisico

Tutto il corpo è percorso da canali che formano le vie in cui scorre il Ki, l'energia necessaria ad ogni manifestazione vitale (v. cos'è il Ki?). Ogni canale, pur avendo il proprio ruolo specifico e il proprio percorso, non consiste di un segmento a sé stante: i meridiani si completano reciprocamente e agiscono insieme. Sono alla base delle funzioni vitali: respirazione ed escrezione, ingestione e assimilazione, integrazione e trasformazione, purificazione e vitalità, circolazione e protezione, raccolta e distribuzione. Lo shiatsu tonifica e muove l'energia, in modo che l'intero sistema del ricevente si accordi all'unisono e riprenda ad agire nel pieno delle proprie potenzialità.     

Vuoto e Pieno

Ogni meridiano, oltre ad avere la propria peculiarità, ha una condizione specifica in ogni momento. Ci sono condizioni che si "cronicizzano" in determinati squilibri come l'essere costantemente spossati o nervosi, tristi o distratti; e altre condizioni che mutano più facilmente in relazione non solo ad avvenimenti personali, ma anche circostanziali come l'ambiente, le stagioni, il giorno, etc. Ad esempio, ci sono persone che al risveglio sono più dinamiche e altre che sembrano provenire da un letargo prolungato, quelle che d'estate sono fiacche e sognano di vivere in un frigorifero e quelle che al sole di luglio si riscoprono energiche. Queste variazioni sono determinate dalla condizione energetica della persona.

In particolare, le alterazioni che avvengono riguardano eccessi e carenze. Il Pieno di energia (Jitsu) è una condizione di accumulo esagerato in un dato meridiano, scaturito dalla necessità di compensare una carenza altrove, detta Vuoto di energia (Kyo). Il primo squilibrio è più evidente, causa maggiore dolore, scomodità e rigidità; il secondo, invece, è più silenzioso e profondo, più difficile da riconoscere, indica una carenza che tira i fili da dietro le quinte. Se ci sono meridiani che sono sovraccarichi, ce ne saranno altri più scarichi. Ad esempio, immaginiamo un bambino che piange perché ha fame: le urla sono il disagio palese, ma sono determinate da una carenza meno evidente, la fame. L'ascolto dello shiatsu funziona così: capire dove si trova la carenza che fa urlare il corpo per tonificarla e acquietare le tensioni.

Relazione: ascolto e cambiamento

Il corpo, la mente, la persona si raccontano intrecciati e innanzitutto richiedono rispetto. E se ti avvicini con il palmo di un orecchio, ti raccontano una storia che è presente vivo. Reagiscono al tocco: il corpo non mente, si esprime e risponde, e se gli si offre l'opportunità di essere ascoltato, si trasforma. 

Precisazioni

Può essere eseguito, secondo le esigenze, sia su lettino che su futon (materassino giapponese posto sul pavimento). Il ricevente indossa indumenti leggeri e comodi; riceve il trattamento a stomaco vuoto. 

Lo Shiatsu non è sostitutivo di eventuali terapie mediche poichè stimola la capacità di risposta vitale e di autoguarigione della persona trattata. Per queste sue caratteristiche risulta essere perfettamente affiancabile a qualsiasi trattamento terapeutico convenzionale, senza alcun rischio e pregiudizio per le cure cui esso eventualmente si accompagna. Non considera, non tratta e non si pone come obbiettivo la risoluzione di patologie e sintomi che sono di stretta pertinenza medico/sanitaria; i trattamenti Shiatsu non sono prestazioni medico-sanitarie.

La professione è regolamentata dalla legge n°4 del 14 Gennaio 2013.

Foto di Simone Zarbin